La competitività stimola, la cooperazione rafforza e la solidarietà unisce

Tag Archives: diritti civili

Pubblicato su www.peroni.blogautore.repubblica.it

“Aderisco in pieno alla richiesta avanzata dalle donne del Pd ai candidati alle primarie del centrosinistra di promuovere e sostenere ogni occasione di comunicazione e impegno sul tema della violenza contro le donne”. L’ho affermato giovedì ricordando che più volte, nel corso della presentazione del suo programma, ho lanciato la proposta di destinare una parte della somma raccolta per le primarie ai centri antiviolenza per le donne. “Sono molto soddisfatta dell’iniziativa delle parlamentari del mio partito. Occorrono subito gesti concreti e questi gesti devono partire da noi”
La violenza di genere è tra le peggiori vergogne della nostra societá, un limite per lo sviluppo economico ed un attacco continuo al sistema di valori su cui si fonda la nostra società. Eticamente, politicamente ed economicamente non è piú accettabile che questi fenomeni siano combattuti solo a parole. Serve una politica attiva contro le discriminazioni con campagne che partano dalle scuole elementari per educare alle diversità ed al rispetto dell’altro.
Di seguito un video di una canzone sulla violenza di genere in spagnolo. Una canzone che ha avuto un certo successo anche in Italia ma di cui forse non si conosce il testo, che trovate tradotto alla fine di questo post.
Sei apparso in una notte fredda
con una puzza di tabacco putrido e gin
la paura già mi percorreva
mentre incrociava le dita dietro la porta
il tuo viso da bel bambino
se l’è mangiato il tempo attraverso le tue vene
e la tua insicurezza maschilista
si riflette ogni giorno nelle mie lacrime
una volta ancora, no per favore
sono stanca e il mio cuore non può sopportarlo
una volta ancora, no amore mio per favore,
non gridare che i bambini dormono
mi tramuto in fuoco
brucio i tuoi pugni di acciaio
e dal colore scuro delle mie guance
tirerò fuori la forza
per guarirmi le ferite
Cattivo, cattivo, cattivo, cattivo sei
non si danneggia chi si ama, no
tonto, tonto, tonto sei
non crederti migliore delle donne!
il giorno è grigio quando ci sei tu
ed il sole appare di nuovo quando vai via
e la pena del mio cuore
io me la devo inghiottire col fuoco
il mio viso di bambina carina
è invecchiato nel silenzio
ogni volta che mi dici puttana
il tuo cervello diventa più piccolo
una volta ancora, no per favore
sono stanca e il mio cuore non può sopportarlo
una volta ancora, no amore mio per favore,
non gridare che i bambini dormono
mi tramuto in fuoco
brucio i tuoi pugni di acciaio
e dal colore scuro delle mie guance
tirerò fuori la forza
per guarirmi le ferite
Cattivo, cattivo, cattivo, cattivo sei
non si danneggia chi si ama, no
tonto, tonto, tonto sei
non crederti migliore delle donne!
sei cattivo perchè lo vuoi.